Accanto a qualcuno, davanti a qualcosa – io e le RSA

I ritratti che vedo, sempre belli, chiari e
perfetti, rispondono alla realtà?
Tutto ciò che ci sta rendendo sempre più
individualisti, costretti a recitare parti diverse
a seconda del contesto nel corso della nostra
giornata, affiora nelle foto dei volti?
Ho provato a mostrare ciò che per me è
l’alienazione verso noi stessi, verso il nostro
ego e verso la quotidianità che affrontiamo
muniti di maschere, nascondendo le
stranezze e quei “nei” che ci rendono unici.
Ecco perché prima di iniziare a scattare ho
chiesto ai soggetti di parlarmi di loro.
Ecco perché li ho esortati a fare ciò che
volevano dietro al vetro.
Ecco perché alla fine ho fatto scegliere a loro
la foto che li rappresentava di più.
Il vetro bagnato e opaco crea un’ulteriore
sensazione di estraniamento, come il velo di
Maya che separa noi esseri umani dalla
percezione del reale.

La voce delle api

L’apicoltore.
Questo progetto, come altri, nasce dalla mia esigenza di parlare, lottare per le ingiustizie.
Fabio e Romeo.
L’inizio dell’apicoltura in casa Dei avviene nel 1925 quando si sposa la nonna di Fabio recando nel suo corredo due alveari; chi voleva dolcificare all’epoca sceglieva il miele perché lo zucchero era un bene di lusso, soprattutto per i contadini. Negli anni 60 la famiglia si divise e i nonni di Fabio trasferendosi portarono con loro oltre alla mobilia i due alveari che il padre di Fabio voleva ardentemente. Fu lui stesso ad andare a prenderli con la vespa e legati sul portapacchi, uno alla volta, li portò da Certaldo a Castelfiorentino (due comuni in provincia di Firenze), e li mise nell’orto. Da quel giorno Romeo se ne prese sempre cura nonostante la pasticceria anche se per un periodo le portò da alcuni amici ma l’impegno e il nomadismo per le arnie non era positivo. Negli anni 80, Romeo, il padre di Fabio, in località Fossati (Certaldo) comprò un pezzo di terreno col bosco per le api, costruendo una sorta Eden per gli alveari, tant’è che durante dei controlli, gli chiesero se la sera andasse a metterle perfino a letto una a una, perché erano più curate che in un hotel a 5 stelle.
Al massimo dell’espansione arrivò a ben 80 alveari, mentre l’anno migliore per la qualità del miele lo raggiunse nel 1996, ottenendo il primo premio del miele a Montalcino. Il padre si commosse tantissimo, nonostante il premio fosse una semplice onorificenza.
Fabio inoltre mi ha raccontato di aver visto il padre leggere con interesse solo libri sull’innovazione dell’apicoltura passando così dalle arnie fatte in casse di sapone, a quelle moderne. Questo passaggio è stato fondamentale perché quelle fatte con le casse di sapone non avendo telai facevano rimanere molte api incastrate nel miele dove poi morivano e dovevano essere ricostruite dalle api stesse ogni volta che veniva fatta la smielatura rendendole stanche e senza energie.
La campana evolutiva delle loro arnie è partita da due alveari, ha avuto massima espansione a 80 e adesso si è fermata a 10 perché è sempre più complicato mantenerle al sicuro, a causa dell’inquinamento e dei pesticidi. Essendo animali molto sensibili ambiente, sentono l’avvelenamento che il nostro pianeta sta subendo.
Inoltre, mi spiega Fabio, ci sono dei parassiti arrivati dall’Asia e da altre parti, del mondo come la Varroa che le danneggiano molto.
A causa della globalizzazione è successo questo e di conseguenza le api vanno trattate sempre con antibiotici diversi perché questi parassiti diventano sempre più forte. Immaginate che alcuni apicoltori di Montalcino che non avevano capito di avere questo parassita hanno perso oltre 400 alveari. La Varroa è un parassita che entra nella cella e mangia il nutrimento delle api ; di conseguenza queste ne escono deformate perché non si sono potute sostentare a sufficienza.
Il problema che della Varroa è che sta diventando sempre più resistente e si sta diffondendo e moltiplicando in modo esponenziale. Alcuni apicoltori fanno il test del foglio unto: questo viene messo in fondo all’arnia e se lo si trova nero, allora vuol dire che la Varroa è presente. Adesso c’è un trattamento fatto con acido ossalico, che è biologico e quindi si può fare con una tecnica di sgocciolamento senza inquinare il miele, però ogni due anni si deve cambiare prodotto. Tutto questo riesce solo a tamponare il problema.
Questa storia ci fa capire come da un piccolo feudo, si possa riportare il problema delle api non solo a livello locale ma anche mondiale.
Mentre mi veniva raccontato tutto questo mi sono dovuto soffermare a riflettere sull’importanza che ha avuto l’amore di un padre verso il figlio e viceversa, cosa che ammetto di aver invidiato molto per alcuni aspetti; io e mio padre per esempio sulla fotografia discutiamo, sempre, mentre vedere questa complicità di Fabio, nel raccontare di suo padre, mi ha fatto venire i brividi, perché il sogno del padre che viene affidato al figlio e che lo porta avanti con amore, senza imposizioni, con tutte le difficoltà del caso é un bellissimo esempio per tutti.
Alcuni dati raccolti per mostrare la situazione globale.
Nel 2019, negli Stati Uniti è stata registrata una perdita del 43,7% delle api.
Il 70% dell’agricoltura dipende da loro – Le api sono indicatori ambientabili formidabili e ogni giorno ci dicono che abbiamo imboccato una strada che potrebbe essere senza ritorno. Eccesso di pesticidi tossici, agricoltura prevalentemente chimica, attività antropocentriche che erodono il suolo, inquinamento e tanto altro sono non solo all’origine della loro possibile estinzione ma di danni irreversibili anche per il genere umano. Le api e gli altri insetti impollinatori stanno morendo: ecco perché il Wwf chiede ai cittadini di agire direttamente per chiedere all’Unione europea il divieto dei pesticidi più pericolosi e maggiore sostegno all’agricoltura biologica. Il “Mondo che Verrà” non può fare a meno delle api e degli altri insetti impollinatori. Negli ultimi cinque anni sono scomparsi 10 milioni di alveari nel mondo, quasi 2 milioni l’anno, oltre 200mila solo in Italia. I cambiamenti climatici, con l’aumento delle temperature e la diffusione di nuovi parassiti, stanno mettendo a rischio salute e sopravvivenza delle api, con effetti drammatici sulla sicurezza alimentare globale. Perché dal loro ruolo essenziale di impollinatori dipende il 70% della produzione agricola mondiale, quindi del cibo che portiamo a tavola. Tutti questi fattori, secondo molti scienziati, sono fra le cause che hanno scatenato Covid-19.

Mio padre

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In ac porttitor ligula. Suspendisse id augue scelerisque, auctor enim sit amet, scelerisque lorem. Donec accumsan dolor risus, nec fringilla sapien luctus eu.

Noir

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In ac porttitor ligula. Suspendisse id augue scelerisque, auctor enim sit amet, scelerisque lorem. Donec accumsan dolor risus, nec fringilla sapien luctus eu.

Riverberi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In ac porttitor ligula. Suspendisse id augue scelerisque, auctor enim sit amet, scelerisque lorem. Donec accumsan dolor risus, nec fringilla sapien luctus eu.

Street photography

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In ac porttitor ligula. Suspendisse id augue scelerisque, auctor enim sit amet, scelerisque lorem. Donec accumsan dolor risus, nec fringilla sapien luctus eu.

Uno, Nessuno e Centomila – Pirandello 2.0

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In ac porttitor ligula. Suspendisse id augue scelerisque, auctor enim sit amet, scelerisque lorem. Donec accumsan dolor risus, nec fringilla sapien luctus eu.